“Dobbiamo riportare la gente alle urne”

“Chi stava preparando l’abito nero per il funerale del MoVimento, dovrà riporlo in fretta nell’armadio”. Inizia con una battuta ironica l’analisi del voto europeo da parte di Roberto Ferrara, candidato sindaco per il MoVimento 5 stelle ad Alghero.

“Noi, al contrario di tutte le forze politiche in campo, non diciamo di aver vinto, ma possiamo pensare di aver tenuto botta rispetto ai funerei pronostici che arrivavano da più parti e dobbiamo ripartire più forti e convinti di prima, in vista delle prossime tornate elettorali, a partire da quella che ci interessa più da vicino, le Elezioni amministrative di domenica 16 giugno”.

“Nonostante il risultato generale deludente nelle isole il M5s ha tenuto. Sono dispiaciuto che non avremo un rappresentante sardo m5s, devo comunque ringraziare Donato Forcillo e Alessandra Todde – due persone speciali – per l’impegno profuso nella campagna elettorale. Faccio i complimenti a Dino Giarrusso e Ignazio Corrao, già europarlamentare che ha dimostrato in questi ultimi cinque anni le sue grandi doti personali e professionali, un validissimo guerriero di cui essere fieri”

Il M5S ad Alghero è il secondo partito, con il 25,8 percento dei voti, che hanno sfiorato quota 4mila (3909). Davanti ai pentastellati solo la Lega, con il 29,97 percento. Alle spalle tutti gli altri, a partire dal Pd (23 percento), che esulta per essere tornato, in questa occasione, secondo partito in Italia (tralasciando il fatto che, nelle precedenti Europee, era il primo, con oltre il 40 percento dei consensi ed è passato da 31 a 18 europarlamentari).

Ma Ferrara punta l’attenzione su un altro dato, ben più grave per la vita democratica del Paese e, in questo caso, di Alghero. Nel 2014, la percentuale dei votanti fu 66,85, oggi è precipitata al 41,38. “Dobbiamo riportare la gente alle urne. I cittadini devono capire che sono importanti nella vita politica del loro paese. Sono loro a decidere chi decide. Più partecipazione, più condivisione, può voler dire tanto. Alghero – conclude Ferrara – può ripartire solo con l’aiuto di tutti i cittadini algheresi”.

Precedente “Il Puc nel primo anno di Amministrazione” Successivo L'ambiente al centro del programma di Roberto Ferrara

Lascia un commento