Il patrimonio culturale algherese, valori e tradizioni da preservare, tramandare e valorizzare

“Il patrimonio culturale algherese è una ricchezza da tutelare e tramandare alle future generazioni, è l’essenza della nostra storia, costituito da una pluralità valori e tradizioni che sono le radici della nostra identità. E’ necessario che all’interno dell’Assessorato alla Cultura sia presente una figura qualificata, che lavori nel mettere a sistema le tante peculiarità che caratterizzano Alghero non solo come rinomata città balneare ma, anche, come città ricca di cultura; sarà un lavoro importante e di sicuro successo economico e di immagine, funzionale alla promozione del territorio”. Questa una delle interessanti proposte presenti nel programma presentato dal candidato sindaco del Movimento 5 stelle per Alghero Roberto Ferrara.

Un Ferrara convinto che la sua città debba puntare sui diversi segmenti del mercato turistico. Tra questi, anche quello culturale. Infatti, la storia e la bellezza artistica della città possono essere un nuovo volano per la Riviera del corallo. Il candidato sindaco riconduce gli ambiti connessi alla valorizzazione del patrimonio in cinque macrocategorie: beni e attività culturali; industria culturale (editoria, audiovisivi, multimediale); enogastronomia e produzioni tipiche; produzioni artigiane; architettura e edilizia di riqualificazione, secondo Roberto Ferrara, “queste macrocategorie tenderanno a valorizzare il patrimonio del nostro territorio”.

Diversi gli attori, pubblici e privati, coinvolti nella tutela, nella gestione e nella valorizzazione del patrimonio, principalmente dal punto di vista finanziario, perché bisogna investire nella conservazione e nella valorizzazione, generando così redditi diretti sotto forma di ricavi da biglietteria e da servizi aggiuntivi. “Abbiamo un importante patrimonio immateriale quale la lingua catalana di Alghero: l’algherese. Diverse associazioni culturali si interessano di divulgare il catalano di Alghero e sarà nostra cura appoggiare questa loro missione incentivando dei percorsi linguistici a iniziare dalla scuola dell’infanzia”, promette il candidato sindaco Ferrara.

Precedente L'ambiente al centro del programma di Roberto Ferrara Successivo Programmazione, non una parola, ma la base dell'Amministrazione